Bagni derivati

Per poter farsi del bene non si può che incominciare togliendosi pregiudizi, vergogna, pudore e limitazioni che durante la vita abbiamo assimilato.

A chi leggerà questo articolo probabilmente questo metodo sembrerà strano o banale, dal nostro punto di vista invece è un metodo senza rischi, facile, naturale ed in special modo gratuito ( tutti lo possono utilizzare ).

I bagni derivati si basano sul copiare un semplice gesto che tutti gli animali fanno spontaneamente tante volte durante la loro giornata: leccarsi le parti intime.

Secondo la medicina cinese nel nostro corpo c’è una parte che risponde particolarmente bene agli stimoli, queste sono le parti più reattive  del corpo, cioè  per gli uomini l’estremità del pene e per le donne le grandi labbra.

Continua a leggere

Annunci

Idroterapia: che cos’è e a cosa serve

Idroterapia significa dal greco cura con l’acqua.

2259_620x290

L’idroterapia comprende due grossi campi d’applicazione:

  • le applicazioni esterne:  bagni, getti e impacchi
  • le applicazioni interne: inalazioni ed enteroclismi

L’acqua può reagire attraverso stimoli termici, meccanici, per reazione e per riflesso.

Lo stimolo termico: l’acqua morta ( cioè quella con temperatura compresa tra i 35 e i 37 gradi ) non ha nessuno stimolo, avendo una temperatura vicina a quella corporea. Più grande è la differenza tra la temperatura del corpo umano e quella dell’acqua maggiore è la reazione.

Lo stimolo per reazione: può avvenire grazie all’acqua calda o grazie all’acqua fredda.

  • Acqua calda: il suo effetto primario è di eccitamento del cervello e del sistema nervoso, mentre l’effetto secondario è di depressione per azione riflessa. Aumenta il flusso di sangue in circolo, aumenta l’afflusso del sangue dagli organi interni alla periferia. L’applicazione calda deve essere breve altrimenti stanca ed indebolisce; usualmente è seguita da un’applicazione di acqua fredda. Fa aumentare i globuli bianchi e diminuire quelli rossi ( se non seguite da applicazioni fredde.
  • Acqua fredda: il suo effetto primario è quello della costrizione dei vasi sanguigni, utilizzata per regolare l’attività vitale nel trattamento del dolore e delle infiammazioni superficiali.  Il suo effetto è secondario, cioè al pallore iniziale segue una dilatazione dei capillari arteriosi della pelle. Con l’acqua fredda viene attivato il calore nel corpo, aumenta la circolazione, tonifica i vasi sanguigni, rinforza il muscolo cardiaco, migliora il metabolismo, migliora la respirazione, giova agli organi interni, stimola i centri nervosi, stimola l’eliminazione delle sostanze tossiche.

Continua a leggere